You are currently viewing Cuckqueen la Donna che Ama Guardare e il Cuckoldismo

Il fenomeno cuckold non è appannaggio solamente maschile: anche alle donne, infatti, può piacere vedere il proprio compagno impegnato sotto le lenzuola con un’altra partner.

In questo caso, però, non si parla di cuckold ma di cuckqueen, e si fa riferimento a donne che provano eccitazione sessuale in questa particolare forma di tradimento che, a ben vedere, un tradimento non è. Quello che una donna cuckold sperimenta è un vero e proprio godimento fisico, che può essere frutto di un’avventura di una sera o, al contrario, il risultato di un’esperienza che si ripete in maniera costante con il passare del tempo.

La consapevolezza del piacere provato dal partner è con tutta probabilità una delle ragioni che possono spingere una donna a trasformarsi in una cuckqueen, anche se ovviamente le motivazioni sono sempre individuali, con radici differenti. 

Che cosa vuol dire Essere una Donna cuckold

Le sensazioni sperimentate da una cuckqeen sono differenti, dal momento che lei non si immedesima unicamente con il proprio compagno, ma anche con l’altra donna.

In pratica, la moglie del cuckold raggiunge il piacere perché assiste al piacere del suo uomo, ma anche a ciò che egli è in grado di innescare nell’altra donna.

Nel momento in cui l’amante raggiunge l’orgasmo, dunque, la cuckqueen è appagata, perché il suo scopo è stato raggiunto. Per essere più chiari, l’atto sessuale viene vissuto e interpretato dalla donna cuckold come un’occasione per immedesimarsi non solo con il compagno, ma con la coppia in sé: il suo compagno e la sua amante.

La figura della cuckqueen può essere anche dominante, nel senso che il suo potere si estende anche sull’altra donna.

Come funziona il rapporto

Quando una donna decide di provare l’esperienza del cuckoldismo, il suo compagno è come messo alla prova. Egli, infatti, deve essere in grado di provocare alla sua amante il massimo del piacere possibile. Questo piacere deve essere concreto e visibile, in modo che possa essere notato dalla cuckqueen.

L’amante, a propria volta, non deve far nulla per nascondere il proprio godimento, dato che questo deve essere condiviso con la cuckquean. Si può parlare di una situazione quasi di estasi, per un’unione non tanto di corpi – altrimenti sarebbe un rapporto a 3 – quanto di anime. Un’esperienza molto più intensa di quella che in genere si verifica a parti invertite, cioè quando è il marchio a fare il cuckold.

Quando guardare non basta

Non a tutte le donne cuckold, però, basta guardare: ce ne sono anche molte che non hanno intenzione di rimanere con le mani in mano, e che quindi entrano in azione.

Ciò può avvenire in tanti modi diversi: per esempio accarezzando il proprio partner e la sua amante, oppure attraverso la masturbazione a distanza. Il gioco di coppia si declina in infinite varianti, all’insegna della massima libertà e soprattutto della consapevolezza di poter sperimentare senza limiti.

Per questo, prima di cimentarsi nel cuckoldismo è sempre preferibile un confronto approfondito, nel corso del quale si possa dialogare per condividere opinioni e anche dubbi, se presenti. Quello che si vuol mettere in pratica in fin dei conti non è altro che un gioco, e nessuno dei due partner vuol far del male all’altro, ma solo procurargli piacere. È per questo che non bisogna mai forzare né sentirsi forzati, perché in questo caso verrebbe meno lo spirito del gioco. 

Il voyeurismo più intenso

Una componente particolare della pratica del cuckoldismo praticata dalle donne è quella legata al voyeurismo, che in genere nell’immaginario comune viene attribuito soprattutto agli uomini. Invece, può essere a tutti gli effetti una prerogativa al femminile, perché vedere e non toccare provoca comunque sensazioni nuove e che vale la pena di scoprire.

I cuckold e le cuckqueen possono dedicarsi alla propria passione secondo strade differenti, ma il piacere che deriva dal vedere dei corpi in movimento nel momento del massimo piacere è comune a uomini e donne. È un vecchio comune quello secondo il quale i video a luci rosse vengono guardati soprattutto dai maschi: anche le femmine sono golose fruitrici di questo tipo di contenuti.

E lo stesso vale, allora, quando lo “spettacolo” viene offerto dal vivo, per di più con la partecipazione attiva del partner. Incontri ad alto tasso erotico che finalmente non sono più confinati in qualche fantasia da vivere a occhi chiusi ma possono essere vissuti in prima persona.

Complicità o rivalità?

Non sempre una cuckquean vede nell’altra donna una rivale: anzi, in alcuni casi può succedere che trovi in lei una sorta di alleata, una complice che la aiuta a far provare al suo compagno sensazioni da urlo ed emozioni che magari non viveva da tanto tempo. Perché è bene sgombrare il campo da falsi moralismi: quando una storia d’amore dura per anni, il sentimento che si sviluppa può essere puro e intenso, ma con il passare del tempo la fiammella si spegne sempre di più, fino a esaurirsi del tutto.

Quindi, perché non provare a ravvivarla con una esperienza cuckold o cuckquean? La miccia della passione a volte è corta, ma la si può allungare con un intervento esterno. Guardare il proprio compagno possedere un’altra donna è quanto di più eccitante una donna innamorata possa vivere, per la partecipazione emotiva che ne scaturisce.

È arrivata l’ora di mettere in soffitta concetti obsoleti come quelli di tradimento e adulterio, che fanno pensare a epoche passate e a contesti culturali a dir poco arretrati. Come se l’uomo fosse un oggetto di proprietà della donna, o viceversa. Il cuckoldismo in tutte le sue versioni, invece, regala libertà e gioia, magari favorendo anche un rapporto di coppia più solido di prima.

Un partner in condivisione

Mettere a disposizione un partner in condivisione può servire anche per risvegliare l’interesse fisico nei suoi confronti, che magari a causa del passare del tempo e della routine si era pian piano sopito.

Quella del cuckoldismo è una pratica che appassiona la donna perché le permette di osservare il proprio partner sotto una luce nuova: non più un amorevole padre di famiglia o un ex ragazzo che non vede l’ora di tornare a casa dal lavoro per mettersi in pigiama e ciabatte, ma un maschio con la M maiuscola, in grado di tirar fuori tutta la propria virilità facendosi travolgere da un’ondata di trasgressione.

Arriva, così, una carica di energia per certi versi sconvolgente, che è quella che consente alla cockqueen di eccitarsi come mai le era successo in precedenza.

Così, l’attrazione verso il partner trova nuovo vigore, mentre svanisce ogni senso di competizione con l’altra donna. Si crea, invece, una sorta di sorellanza in cui tutte e due le femmine hanno l’obiettivo di far godere e di godere, in un circolo virtuoso in cui tutti ricercano e desiderano il piacere di tutti, senza distinzioni né recriminazioni.

Lascia un commento